Sagra dei Thèst 2017

E’ molto che non scrivo su queste pagine, sigh!
E molto che non intreccio.

L’occasione è arrivata per il desiderio di partecipare a una bella iniziativa: la Sagra dei Thèst a Polcenigo, che si terrà questo weekend (2 e 3 settembre) e soprattutto la relativa mostra: la riproduzione di cesti ritratti nella pittura italiana.

Non sono una cestaia professionista, ma ho voluto partecipare perché l’iniziativa mi è sembrata una splendida idea per ritrovare le tracce della nostra cultura e della nostra tradizione, per riscoprire pittori più o meno conosciuti, e soprattutto per osservare quali tecniche di intreccio si usavano in passato, quali tecniche appartengono alla cesteria tradizionale italiana.

Così, nonostante sia un bel po’ arrugginita, ho deciso di rimboccarmi le maniche, ho scelto un quadro del XVIII secolo di un pittore italiano (Giacomo Ceruti, detto il Pitocchetto), e ho iniziato a intrecciare.

cesto in ammollo
Come potete vedere non ho perso l’abitudine di lavorare al fiume!
Con il caldo che faceva nei giorni scorsi, poi, sarebbe stato impossibile fare diversamente, perché i rami bianchi si asciugavano con una velocità incredibile.
Nell’insieme direi che me la sono cavata bene, nonostante tutto. Pubblicherò il risultato nei prossimi giorni, ma potete venirlo a vedere dal vivo in fiera.
Per cui, venitemi a trovare a Polcenigo questo weekend!
Precedente Cestino bianco per le uova: è arrivata la primavera Successivo Gavagno in vitalba con nocciole